Presente e futuro del turismo a cavallo: emozioni e business

Mercoledì 31 ottobre, nella sede di Confagricoltura Torino si è svolto un convegno organizzato da Agriturist Piemonte insieme a Ippostrade dal titolo Turismo a cavallo: emozioni e business.
La domanda di turismo equestre è sempre più diversificata e spazia dall’esperto di equitazione al semplice appassionato che richiede comunque guide esperte, sentieri attrezzati, esperienze su misura e lezioni personalizzate. Un comparto in espansione, parallelo alla riscoperta dei percorsi naturalistici e grazie anche alle aziende agricole multifunzionali che riescono a offrire proposte complete per i turisti di tutte le età appassionati di equitazione e delle passeggiate a cavallo. Si calcola che in Italia le aziende agrituristiche attive nel turismo equestre siano oltre il 20% dell’intero comparto.

All’appuntamento di mercoledì 31 ottobre hanno partecipato l’assessore regionale all’agricoltura Giorgio Ferrero, la presidente regionale Agriturist Rosanna Varese, il presidente nazionale Agriturist Cosimo Melacca e il presidente nazionale del Consorzio Europeo Ippostrade Lorenzo Costa. Presenti Andrea Cerrato, presidente di Piemonte Incoming,  Marco Bussone, presidente nazionale Uncem, Mario Gobello, della Regione Piemonte, Francesca Bisacco, della Commissione regionale interventi assistiti con gli animali, direttore dell’Associazione Rubens e consigliera della Consulta per le Persone in Difficoltà Onlus, Ferruccio Badi di Confagricoltura Lombardia.