Palazzi Storici

Ordina per: Azienda
Palazzo Cisterna
Tipologia:
Descrizione:

Il nucleo originario dell’edificio risale al 1675 ad opera di Antonio Maurizio Valperga o di suo fratello Andrea . Tre anni dopo viene allestito il giardino interno, per desiderio della Madama Reale. Nel 1685 il Palazzo passa alla Famiglia Dal Pozzo della Cisterna, con cui inizia un lungo periodo di restauri grandiosi e di  splendore. Segue poi un periodo di interruzione delle opere di decoro, che riprendono solo nella seconda metà dell’Ottocento con il matrimonio tra Maria Vittoria, figlia di Carlo Emanuele della Cisterna, e Amedeo di Savoia duca d’Aosta.

Dopo la morte della Principessa Maria Vittoria Amedeo d’Aosta volle completare il Palazzo. Negli anni successivi agli inizi del ‘900 furono effettuati solo degli interventi minori; nel 1940 i Savoia-Aosta vendono l’edificio, ormai scarsamente utilizzato, all’Amministrazione Provinciale, diventandone sede ufficiale nel 1945 per poi diventarlo della Città Metropolitana.

Descrizione lunga:

Il nucleo originario dell’edificio risale al 1675 ad opera di Antonio Maurizio Valperga o di suo fratello Andrea . Tre anni dopo viene allestito il giardino interno, per desiderio della Madama Reale. Nel 1685 il Palazzo passa alla Famiglia Dal Pozzo della Cisterna, con cui inizia un lungo periodo di restauri grandiosi e di  splendore. Segue poi un periodo di interruzione delle opere di decoro, che riprendono solo nella seconda metà dell’Ottocento con il matrimonio tra Maria Vittoria, figlia di Carlo Emanuele della Cisterna, e Amedeo di Savoia duca d’Aosta.

Dopo la morte della Principessa Maria Vittoria Amedeo d’Aosta volle completare il Palazzo. Negli anni successivi agli inizi del ‘900 furono effettuati solo degli interventi minori; nel 1940 i Savoia-Aosta vendono l’edificio, ormai scarsamente utilizzato, all’Amministrazione Provinciale, diventandone sede ufficiale nel 1945 per poi diventarlo della Città Metropolitana.

Palazzo Madama di Torino
Tipologia:
Descrizione:

Palazzo Madama e Casaforte degli Acaja è un complesso architettonico e storico situato nella centrale piazza Castello a Torino. È patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO, come parte del sito seriale Residenze Sabaude. Nel palazzo ha sede il Museo civico d’arte antica.

Si tratta di un connubio di duemila anni di Storia di Torino, dall’antichissima porta orientale della colonia romana di Julia Augusta Taurinorum alla Casaforte difensiva, quindi al Castello vero e proprio, simbolo del potere sabaudo fino almeno al XVI secolo, quando venne preferito l’attuale Palazzo Reale, come sede dei duca di Savoia.
La parte occidentale del primo complesso medioevale, fu poi chiamato Palazzo Madama perché fu dapprima abitato da Madama Cristina di Borbone-Francia, detta la prima Madama Reale, nel periodo 1620-1663 circa, e successivamente da Maria Giovanna Battista di Savoia-Nemours, detta la seconda Madama Reale, nel periodo 1666-1724. Fu per quest’ultima che l’attuale facciata fu disegnata, nel 1716-1718, dall’architetto di corte Filippo Juvarra.

Descrizione lunga:

Palazzo Madama e Casaforte degli Acaja è un complesso architettonico e storico situato nella centrale piazza Castello a Torino. È patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO, come parte del sito seriale Residenze Sabaude. Nel palazzo ha sede il Museo civico d’arte antica.

Si tratta di un connubio di duemila anni di Storia di Torino, dall’antichissima porta orientale della colonia romana di Julia Augusta Taurinorum alla Casaforte difensiva, quindi al Castello vero e proprio, simbolo del potere sabaudo fino almeno al XVI secolo, quando venne preferito l’attuale Palazzo Reale, come sede dei duca di Savoia.
La parte occidentale del primo complesso medioevale, fu poi chiamato Palazzo Madama perché fu dapprima abitato da Madama Cristina di Borbone-Francia, detta la prima Madama Reale, nel periodo 1620-1663 circa, e successivamente da Maria Giovanna Battista di Savoia-Nemours, detta la seconda Madama Reale, nel periodo 1666-1724. Fu per quest’ultima che l’attuale facciata fu disegnata, nel 1716-1718, dall’architetto di corte Filippo Juvarra.

“Portone del Melograno”
Descrizione:

Nome di derivazione popolare, il “portone del melograno” è un edificio Liberty torinese situato nel quartiere di San Salvario, vicino a Via Nizza. Come tanti altri edifici nello stile succitato è opera del noto architetto Pietro Fenoglio. La progettò nel 1907. Il nome ovviamente deriva dal caratteristico portone, costruito in ferro battuto, raffigurante due alberi di melograno ricchi di foglie verdi e frutti rossi, incastonati in un’ampia cornice floreale.

Descrizione lunga:

Nome di derivazione popolare, il “portone del melograno” è un edificio Liberty torinese situato nel quartiere di San Salvario, vicino a Via Nizza. Come tanti altri edifici nello stile succitato è opera del noto architetto Pietro Fenoglio. La progettò nel 1907. Il nome ovviamente deriva dal caratteristico portone, costruito in ferro battuto, raffigurante due alberi di melograno ricchi di foglie verdi e frutti rossi, incastonati in un’ampia cornice floreale.

Birrificio Bosio
Descrizione:

Il birrificio Bosio fu fondato a Torino nel 1845 da Giacomo Bosio; come prima sede si optò per via della Consolata, nel pieno centro storico della città. Sarà il primo birrificio italiano. Nel 1887 lo stabilimento verrà spostato nel quartiere di San Donato e nei primi del Novecento, l’architetto Pietro Fenoglio verrà incaricato di un suo ampliamento nel quale fu compresa anche la contestuale realizzazione della villa padronale (Caratsh) affacciata su corso Regina Margherita. Lo stabilimento come tante altre opere dell’autore, riporta stilemi Liberty.

Descrizione lunga:

Il birrificio Bosio fu fondato a Torino nel 1845 da Giacomo Bosio; come prima sede si optò per via della Consolata, nel pieno centro storico della città. Sarà il primo birrificio italiano. Nel 1887 lo stabilimento verrà spostato nel quartiere di San Donato e nei primi del Novecento, l’architetto Pietro Fenoglio verrà incaricato di un suo ampliamento nel quale fu compresa anche la contestuale realizzazione della villa padronale (Caratsh) affacciata su corso Regina Margherita. Lo stabilimento come tante altre opere dell’autore, riporta stilemi Liberty.

Casa Boffa-Costa
Descrizione:

Casa Boffa-Costa è un edificio storico torinese situato in Via de Sonnaz 16. Fu progettata nel 1904 dal noto architetto Pietro Fenoglio agli arbori del XXI secolo, anni fulcro dello stile architettonico -Liberty- che la caratterizza. Da evidenziare nella struttura sono soprattutto i particolari come le decorazioni floreali dipinte, i balconi in ferro battuto, le decorazioni sotto il cornicione.

Descrizione lunga:

Casa Boffa-Costa è un edificio storico torinese situato in Via de Sonnaz 16. Fu progettata nel 1904 dal noto architetto Pietro Fenoglio agli arbori del XXI secolo, anni fulcro dello stile architettonico -Liberty- che la caratterizza. Da evidenziare nella struttura sono soprattutto i particolari come le decorazioni floreali dipinte, i balconi in ferro battuto, le decorazioni sotto il cornicione.

Casa dell’Obelisco
Descrizione:

La Casa dell’Obelisco è un edificio residenziale di Torino, situato nel quartiere di Borgo Po. L’opera progettata da Sergio Jaretti Sodano ed Elio Luzi nel 1954, è un perfetto esempio dell’architettura neoLiberty, che nella metà del Novecento riporta in auge stilemi del Liberty, suo antedecessore. Le facciate esterne, dinamizzate da prospetti curvilinee, sono rimarcate da rilievi orizzontali che le donano una caratteristica presenza a strisce. Le planimetrie interne sono invece regolari, con mura classiche e rettilinee.

Descrizione lunga:

La Casa dell’Obelisco è un edificio residenziale di Torino, situato nel quartiere di Borgo Po. L’opera progettata da Sergio Jaretti Sodano ed Elio Luzi nel 1954, è un perfetto esempio dell’architettura neoLiberty, che nella metà del Novecento riporta in auge stilemi del Liberty, suo antedecessore. Le facciate esterne, dinamizzate da prospetti curvilinee, sono rimarcate da rilievi orizzontali che le donano una caratteristica presenza a strisce. Le planimetrie interne sono invece regolari, con mura classiche e rettilinee.

Casa Fenoglio-Lafleur
Tipologia:
Descrizione:

La Casa Fenoglio-Lafleur è un edificio storico di Torino, situato nel quartiere San Donato che a livello architettonico conta una densità elevata di elementi in stile liberty. Casa Lafleur rappresenta tra questi una delle maggiori attestazioni della stagione del liberty italiano, sia a livello nazionale che internazionale. Fu progettata nel 1902 da Pietro Fenoglio come sua abitazione privata, ma la casa venne poi venduta all’imprenditore francese Lafleur che la abitò fino alla sua morte. I suoi eredi ne cedettero quindi la proprietà all’ organizzazione filantropica torinese “La Benefica”. Fortunamente  risparmiata dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, l’intera struttura conobbe anni di decadenza, finché fu nuovamente venduta a privati, che attuarono una preziosa opera di restaurazione. Attualmente è sede di studi professionali e residenze private.

 

Descrizione lunga:

La Casa Fenoglio-Lafleur è un edificio storico di Torino, situato nel quartiere San Donato che a livello architettonico conta una densità elevata di elementi in stile liberty. Casa Lafleur rappresenta tra questi una delle maggiori attestazioni della stagione del liberty italiano, sia a livello nazionale che internazionale. Fu progettata nel 1902 da Pietro Fenoglio come sua abitazione privata, ma la casa venne poi venduta all’imprenditore francese Lafleur che la abitò fino alla sua morte. I suoi eredi ne cedettero quindi la proprietà all’ organizzazione filantropica torinese “La Benefica”. Fortunamente  risparmiata dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, l’intera struttura conobbe anni di decadenza, finché fu nuovamente venduta a privati, che attuarono una preziosa opera di restaurazione. Attualmente è sede di studi professionali e residenze private.

 

Casa Florio
Tipologia:
Descrizione:

Casa Florio è un edificio storico torinese situato, come tanti altri dello stile Liberty di cui fa parte, nel quartiere di San Donato, vicino Corso Francia. Fu progettata nel 1902 dagli ingegneri Arnaldo Riccio e Giuseppe Velati-Bellini, che costituirono così una delle manifestazioni più precoci del liberty torinese. Furono i fratelli Florio a commissionarla e per i Florio, Riccio e Bellini costruirono altri sei edifici. Casa Florio non è distante alle nette soluzioni grafiche presentate nell’Esposizione Universale torinese nel medesimo anno. Rispetto al progetto però, che prevedeva eleganti simmetrie di a graffito sulla facciata, gli ornati si semplificarono nella realizzazione, divenendo leggeri nastri a rilievo in finta pietra rinvigorenti la geometria complessiva.

Descrizione lunga:

Casa Florio è un edificio storico torinese situato, come tanti altri dello stile Liberty di cui fa parte, nel quartiere di San Donato, vicino Corso Francia. Fu progettata nel 1902 dagli ingegneri Arnaldo Riccio e Giuseppe Velati-Bellini, che costituirono così una delle manifestazioni più precoci del liberty torinese. Furono i fratelli Florio a commissionarla e per i Florio, Riccio e Bellini costruirono altri sei edifici. Casa Florio non è distante alle nette soluzioni grafiche presentate nell’Esposizione Universale torinese nel medesimo anno. Rispetto al progetto però, che prevedeva eleganti simmetrie di a graffito sulla facciata, gli ornati si semplificarono nella realizzazione, divenendo leggeri nastri a rilievo in finta pietra rinvigorenti la geometria complessiva.

Casa Girardi
Descrizione:

Casa Girardi è un edificio storico torinese situato in Via Luigi Cibrario 54 che trae il nome dal commissionante Giacomo Girardi, che la commissionò al celebre architetto Pietro Fenoglio. La progettò nel 1906. Struttura in stile Liberty, presenta già elementi della successiva art déco, pertanto può ritenersi a stile misto seppur il principale sia il primo, caratterizzante, tra l’altro, buona parte del percorso dell’architetto. Tipici dell’art noveau sono i ricami in ferro battuto della ringhiera, richiamante il motivo a rampicante della vetrata su cortile; nelle decorazioni presenta congruenze con una delle opere più famose dello stesso architetto: Casa La Fleur.

Descrizione lunga:

Casa Girardi è un edificio storico torinese situato in Via Luigi Cibrario 54 che trae il nome dal commissionante Giacomo Girardi, che la commissionò al celebre architetto Pietro Fenoglio. La progettò nel 1906. Struttura in stile Liberty, presenta già elementi della successiva art déco, pertanto può ritenersi a stile misto seppur il principale sia il primo, caratterizzante, tra l’altro, buona parte del percorso dell’architetto. Tipici dell’art noveau sono i ricami in ferro battuto della ringhiera, richiamante il motivo a rampicante della vetrata su cortile; nelle decorazioni presenta congruenze con una delle opere più famose dello stesso architetto: Casa La Fleur.

Casa Guelpa
Descrizione:

Casa Guelpa è un edificio storico torinese situato in Via Colli 2 all’angolo con Corso Vittorio Emanuele II, uno dei più importanti del capoluogo. Il progetto del 1907 porta a firma di Pietro Fenoglio. La facciata presenta pregiati affreschi sotto il cornicione, e un motivo a tondi, principe di tutto il primo piano. Sussistono anche motivi organico-floreali.

Descrizione lunga:

Casa Guelpa è un edificio storico torinese situato in Via Colli 2 all’angolo con Corso Vittorio Emanuele II, uno dei più importanti del capoluogo. Il progetto del 1907 porta a firma di Pietro Fenoglio. La facciata presenta pregiati affreschi sotto il cornicione, e un motivo a tondi, principe di tutto il primo piano. Sussistono anche motivi organico-floreali.

Casa Ina
Tipologia:
Descrizione:

Casa Ina è un edificio storico torinese situato in Via Principi d’Acaja 20 tra il quartiere di San Donato e quello di Cit Turin. Porta la firma di Pietro Fenoglio -architetto molto fecondo che dirigerà più di 300 opere- nel 1906: come tante opere dello stesso, e tante della zona, fa parte dello stile Liberty. Piuttosto note le decorazioni “floreali” sulla facciata dell’edificio.

Descrizione lunga:

Casa Ina è un edificio storico torinese situato in Via Principi d’Acaja 20 tra il quartiere di San Donato e quello di Cit Turin. Porta la firma di Pietro Fenoglio -architetto molto fecondo che dirigerà più di 300 opere- nel 1906: come tante opere dello stesso, e tante della zona, fa parte dello stile Liberty. Piuttosto note le decorazioni “floreali” sulla facciata dell’edificio.

Casa Maciotta
Tipologia:
Descrizione:

Casa Maciotta è un ampio edificio storico torinese in stile liberty, progettato nel 1904 dall’ingegnere Pietro Fenoglio, e situato, come tante altre testimonianze dello stile architettonico succitato, nel quartiere di San Donato. Fenoglio dimostra qui come sia possibile trovare soluzioni liberty piuttosto originali a costi contenuti. La struttura ha una grande volumetria e la scansione della facciata richiama certi motivi della tradizione barocca torinese.

Descrizione lunga:

Casa Maciotta è un ampio edificio storico torinese in stile liberty, progettato nel 1904 dall’ingegnere Pietro Fenoglio, e situato, come tante altre testimonianze dello stile architettonico succitato, nel quartiere di San Donato. Fenoglio dimostra qui come sia possibile trovare soluzioni liberty piuttosto originali a costi contenuti. La struttura ha una grande volumetria e la scansione della facciata richiama certi motivi della tradizione barocca torinese.

Casa Masino
Tipologia:
Descrizione:

Casa Masino è un palazzo storico torinese il cui progetto vede la firma di Giovanni Gribodo nell’anno 1908. L’abitazione è situata in Via Piffetti 5, vicino a Corso Francia, zona che pullula di edifici di stile Liberty, scuola architettonica alla quale Casa Masino si associa. Nella struttura risaltano le decorazione eclettiche e sulla facciata principale il balcone in stile neo-egizio con due sfingi laterali che innalzano l’importanza dello stesso; le sfingi si ricongiungono alla facciata dell’edificio tramite una coda di piume.

Descrizione lunga:

Casa Masino è un palazzo storico torinese il cui progetto vede la firma di Giovanni Gribodo nell’anno 1908. L’abitazione è situata in Via Piffetti 5, vicino a Corso Francia, zona che pullula di edifici di stile Liberty, scuola architettonica alla quale Casa Masino si associa. Nella struttura risaltano le decorazione eclettiche e sulla facciata principale il balcone in stile neo-egizio con due sfingi laterali che innalzano l’importanza dello stesso; le sfingi si ricongiungono alla facciata dell’edificio tramite una coda di piume.

Casa Padrini
Descrizione:

Casa Padrini è un edificio storico torinese prendente il nome dal cognome dei fratelli che la commissionarono a Pietro Fenoglio, noto architetto che presentò il relativo progetto nel 1905. La facciata risulta divisa in due fasce ad orientamento orizzontale. Strutturata ad angolo, in questo riporta un riconoscibilissimo box-window su due livelli terminante in un terrazzino. Decorazioni floreali, tipiche dell’opera fenogliana, si trovano in vari particolari, nelle strutture in ferro battuto dei balconi e nelle cornici delle finestre.

Descrizione lunga:

Casa Padrini è un edificio storico torinese prendente il nome dal cognome dei fratelli che la commissionarono a Pietro Fenoglio, noto architetto che presentò il relativo progetto nel 1905. La facciata risulta divisa in due fasce ad orientamento orizzontale. Strutturata ad angolo, in questo riporta un riconoscibilissimo box-window su due livelli terminante in un terrazzino. Decorazioni floreali, tipiche dell’opera fenogliana, si trovano in vari particolari, nelle strutture in ferro battuto dei balconi e nelle cornici delle finestre.

Casa Pecco
Descrizione:

Casa Pecco è un edificio storico torinese situato in via Luigi Cibrario 12. Imponente struttura, venne costruita nel 1902 su progetto del noto architetto Pietro Fenoglio in stile Liberty, nel quale si affiancano, compenetrandosi, elementi decorativi litocementizi e in ferro battutto a tema tipicamente floreale.

Descrizione lunga:

Casa Pecco è un edificio storico torinese situato in via Luigi Cibrario 12. Imponente struttura, venne costruita nel 1902 su progetto del noto architetto Pietro Fenoglio in stile Liberty, nel quale si affiancano, compenetrandosi, elementi decorativi litocementizi e in ferro battutto a tema tipicamente floreale.

Casa Rey
Descrizione:

Casa Rey è un edificio storico torinese situato in Corso Galileo Ferraris 16,18. Fu progettato come tante altre strutture Liberty (stile della struttura in questione) nel capoluogo da Pietro Fenoglio nel 1904. La terminale parte destra e superiore è dinamizzata da uno “studio d’artista” che ricorda un progetto mai realizzato dello stesso. Le porte sono decorate da motivi floreali, sormontate da una bocca spalancata. Quest’ultima è porzione di una faccia grottesca che assurge a motivo dell’intero piano terreno lungo tutta la facciata.

Descrizione lunga:

Casa Rey è un edificio storico torinese situato in Corso Galileo Ferraris 16,18. Fu progettato come tante altre strutture Liberty (stile della struttura in questione) nel capoluogo da Pietro Fenoglio nel 1904. La terminale parte destra e superiore è dinamizzata da uno “studio d’artista” che ricorda un progetto mai realizzato dello stesso. Le porte sono decorate da motivi floreali, sormontate da una bocca spalancata. Quest’ultima è porzione di una faccia grottesca che assurge a motivo dell’intero piano terreno lungo tutta la facciata.

Casa Tasca
Tipologia:
Descrizione:

Casa Tasca è un edificio storico torinese adibito ad uso di signorile abitazione, situato nei pressi di Corso francia e tra i quartieri San Donato e Cit Turin, che contano numerose testimonianze dello stile Liberty di cui casa Tasca fa parte. Fu costruito su progetto di Giovan Battista Benazzo tra il 1902 e il 1903. Conobbe un triste episodio nella giornata dell’8 dicembre 1942 in cui fu colpito da un bombardamento che inficiò buona parte della struttura: danni alla copertura del tetto, crolli e lesioni ai muri, distruzione totale degli infissi. Già nel 12 maggio 1945 risulta un parziale ripristino, completato nei periodi successivi.

Descrizione lunga:

Casa Tasca è un edificio storico torinese adibito ad uso di signorile abitazione, situato nei pressi di Corso francia e tra i quartieri San Donato e Cit Turin, che contano numerose testimonianze dello stile Liberty di cui casa Tasca fa parte. Fu costruito su progetto di Giovan Battista Benazzo tra il 1902 e il 1903. Conobbe un triste episodio nella giornata dell’8 dicembre 1942 in cui fu colpito da un bombardamento che inficiò buona parte della struttura: danni alla copertura del tetto, crolli e lesioni ai muri, distruzione totale degli infissi. Già nel 12 maggio 1945 risulta un parziale ripristino, completato nei periodi successivi.

Casa Zorzi
Tipologia:
Descrizione:

Casa Zorzi è un edificio storico Torinese della stagione del Liberty. Il suo progettista fu Antonio Vandone di Cortemiglia, e fu costruita tra il 1905 e il 1909. Risiede in Corso Francia 19, zona piuttosto feconda di testimonianze del liberty torinese, tra i più importanti in Italia.

Descrizione lunga:

Casa Zorzi è un edificio storico Torinese della stagione del Liberty. Il suo progettista fu Antonio Vandone di Cortemiglia, e fu costruita tra il 1905 e il 1909. Risiede in Corso Francia 19, zona piuttosto feconda di testimonianze del liberty torinese, tra i più importanti in Italia.

Ex Conceria Florio
Descrizione:

Il complesso delle Concerie Florio consiste in due edifici, il primo adibito ad attività lavorativa e il secondo utilizzato come magazzino. Il primo riporta la data di nascita al 1837; il secondo viene invece edificato nel 1900 affidando il progetto a Pietro Fenoglio, noto architetto italiano. Con questo ampliamento l’intera struttura conosce soprattutto esternamente gli stilemi del Liberty torinese, come cornici e fregi floreali. L’ampio fabbricato è poi importante tappa durante la Seconda Guerra Mondiale del processo della Resistenza, divenendo sede del Comitato di Liberazione Nazionale. L’opera subisce danneggiamenti più o meno gravi nel 1942. Risulta ripristinata già nel 1945.

Descrizione lunga:

Il complesso delle Concerie Florio consiste in due edifici, il primo adibito ad attività lavorativa e il secondo utilizzato come magazzino. Il primo riporta la data di nascita al 1837; il secondo viene invece edificato nel 1900 affidando il progetto a Pietro Fenoglio, noto architetto italiano. Con questo ampliamento l’intera struttura conosce soprattutto esternamente gli stilemi del Liberty torinese, come cornici e fregi floreali. L’ampio fabbricato è poi importante tappa durante la Seconda Guerra Mondiale del processo della Resistenza, divenendo sede del Comitato di Liberazione Nazionale. L’opera subisce danneggiamenti più o meno gravi nel 1942. Risulta ripristinata già nel 1945.

Fonderia Ballada
Descrizione:

Il monumentale complesso “Società Fonderia Smalteria ed Affini Ballada” prende vita dalla geniale firma di Pietro Fenoglio nel 1906. Verrà poi ampliato dagli architetti Gussoni e Vivarelli e ancora Mollino negli anni successivi. Tali cambiamenti non comportano però la perdita degli stilemi di Pietro Fenoglio, che concepisce qui un edificio a natura architettonica mista, nel cui agglomerato spicca certamente il Liberty. Negli anni conosce vari cambiamenti per quanto riguarda la direzione economica dello stabile. È situato in Corso Verona 8.

Descrizione lunga:

Il monumentale complesso “Società Fonderia Smalteria ed Affini Ballada” prende vita dalla geniale firma di Pietro Fenoglio nel 1906. Verrà poi ampliato dagli architetti Gussoni e Vivarelli e ancora Mollino negli anni successivi. Tali cambiamenti non comportano però la perdita degli stilemi di Pietro Fenoglio, che concepisce qui un edificio a natura architettonica mista, nel cui agglomerato spicca certamente il Liberty. Negli anni conosce vari cambiamenti per quanto riguarda la direzione economica dello stabile. È situato in Corso Verona 8.