Mostra Sterminio in Europa. Perchè ricordare a Chiusa di Pesio

Dal 15 gennaio al 13 febbraio 2019, la Biblioteca Civica “E. Alberone nel comune di Chiusa di Pesio in provincia di Cuneo ospiterà la Mostra fotografica Sterminio in Europa perchè ricordare.

La Mostra è realizzata in collaborazione con l’ANED (Associazione nazionale ex deportati nei campi nazisti) i cui membri sono tra i sopravvissuti allo sterminio nazista, parenti e soci che vogliono divulgare la storia del fascismo, della Resistenza e delle deportazioni nei lager nazisti. Sterminio in Europa perchè ricordare è costituita da alcuni pannelli, già realizzati negli anni ’70 e poi costantemente aggiornati nel tempo. Le fotografie e i contenuti si riferiscono al 1933-1945, periodo che vide l’inizio dei totalitarismi e le leggi razziali.

Venerdì 25 gennaio 2019 alle ore 21 avrà luogo un importante incontro con l’autrice e dottore di ricerca in Ebraismo, Maria Teresa Milani, dal titolo Terezìn: La fortezza della Resistenza non armata. Terezìn nacque come fortezza, costruita tra il 1780 e 1790 dall’esercito austriaco ed era costituita da muri massicci e fossati profondi. La fortezza aveva scopi difensivi per proteggere la citta di Praga dagli attacchi prussiani. Divenne tristemente nota nel 1938 quando il Terzo Reich prese il controllo utilizzandola inizialmente come prigione e in seguito come campo di concentramento.

A Terezìn l’affollamento divenne ben presto insopportabile, lo spazio disponibile era troppo poco, pochi metri quadrati per persona. Si moriva ogni giorno per la fame, per le malattie, per gli stenti e la violenza inaudita a cui erano sottoposti. Tra i deportati a Terezin vi erano persone che avevano studiato musica, ed alcuni di loro erano riusciti a portare con sè qualche strumento nascosto nella valigia.

La musica risultò essere di conforto per lenire la sofferenza e per infondere una parvenza di speranza. Grazie ai suoi studi e ricerche sul lager di Terezìn, lo scrittore ed ebraista, curatore di Scrittorincittà a Cuneo Matteo Corradini, sono stati recuperati alcuni strumenti ed oggetti. Nel 2013 fa fondato il Pavel Zalud Quartet e nel 2015 la Pavel Zalud Orchestra che entrambe eseguone brani composti a Terezìn e suonano strumenti originali dell’epoca.

Mercoledì 30 gennaio 2019 alle ore 9.30 si terrà l’incontro con la scrittrice giornalista Guia Risari per la presentazione del suo libro “La Porta di Anne2 edito da Mondadori. Il romanzo, destinato ai ragazzi, ha la capacità di guardare oltre alla vicenda di Anne e di farci ricordare che lei non era sola, ma che le vite degli altri abitanti dell’alloggio si intrecciano durante quei due anni di clandestinità. Le poche ore trascorse dal risveglio all’arresto di quel tragico 4 agosto, descritte da ognuno di loro, attraverso i propri sogni e pensieri e che consentono all’autrice di fornire la percezione della quotidianità