Il museo della magia a Cherasco nel Cuneese

Il Museo della Magia di Cherasco è il più importante museo italiano dedicato alla magia e all’illusionismo, nato da un’idea di Don Silvio Mantelli, meglio noto come il Mago Sales.

Don Silvio Mantelli, un prete salesiano, meglio conosciuto come Mago Sales, missionario della gioia, si definisce ,mago per passione e prete per vocazione.


Mago Sales, si è esibito nelle Ande boliviane e nelle favelas brasiliane, nei villaggi africani della Nigeria, del Kenya, del Madagascar, tra i ragazzi delle Filippine e di Shangai, tra i tanti Chiriperos di Santo Domingo e i troppi Boys’ Town di Mombay.

Ha varcato i confini del mondo, nella foresta amazzonica, tra i ghiacci dell’Antartide, nei desolati deserti della Somalia, in Messico, al confine con gli Stati Uniti, nella terra di Tex Willer, nella striscia di Gaza con i tanti bambini di Amas.

Ha condiviso gioie e dolori con i ragazzi di strada delle grandi metropoli dell’Asia o dell’America latina.
Don Silvio Mantelli, si è esibito nei cinque continenti, in centinaia di ambienti diversi, al chiuso, in piccole sale gremite all’inverosimile, in grotte di alta montagna o all’aperto sotto alberi di foreste o, ancora, in stadi capaci di contenere più di 5.000 ragazzi.

Ha donato una bacchetta magica a Giovanni Paolo II e a Papa Benedetto XVI.

Ha divertito, eliminando la loro tristezza e la condizione di povertà dei tanti bambini di Korogocho, con Alex Zanotelli, si è esibito facendo sorridere Madre Teresa e le sue giovani suore nel cortiletto della casa madre a Calcutta con uno spettacolo di magia.

Mago Sales è anche il creatore della Fondazione Mago Sales, con cui propaganda l’arte della magia con spettacoli, manifestazioni e scuole teatrali, raccogliendo notevoli fondi per la realizzazione di progetti umanitari nelle missioni del mondo.

E’ stato il primo maestro di Arturo Brachetti e di tanti altri bravissimo prestigiatori italiani.
Attualmente Don Silvio, aiuta più di 4.000 bambini nel mondo a vivere decorosamente il grande dono della vita.

Il suo motto è “Chi salva un bambino, aiuta un pezzo di cielo a illuminare il mondo”.

           

La visita al Museo della Magia ha inizio attraverso un percorso espositivo ,con diverse tappe a tema.
La bocca della verità , la testa parlante, la foresta incantata , le grandi illusioni , i grandi maghi ,dove vengono illustrati i più grandi illusionisti della storia, attraverso le statue raffiguranti i grandi maghi della storia si racconta la vita e le vicende artistiche di personaggi come Bartolomeo Bosco, Harry Houdini, Arturo Brachetti, Jean Eugène Robert-Houdin e molti altri ancora.

All’interno del salotto ottocentesco intitolato, la seduta spiritica, si osservano i trucchi del medium.
A seguire ci sono le sale, Polvere di Stelle, Il teatro delle Illusioni, sala dedicata allo spettacolo con un allestimento scenico e tecnico altamente professionale, attraverso lo specchio e Il paese delle meraviglie che è caratterizzato da alcune illusioni ottiche.

L’itinerario termina con il giardino delle fate, in cortile, e lo scrigno magico, ovvero la cappella del mago Sales con i suoi ricordi e le sue magie.

Durante l’affascinante visita, ad accompagnare ospiti grandi e piccini sarà Hocus Pocus, la mascotte del Museo.

Per i più piccoli c’è la possibilità di partecipare a dei laboratori interattivi all’interno del museo, organizzati Sabato e Domenica, dove vengono effettuati ed insegnati da un animatore professionista, la costruzione e l’esecuzione di facili trucchi di magia.


Ti è piaciuto Piemonte Expo ?
Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le nostre proposte per il tuo weekend , per i tuoi appuntamenti e per il tuo turismo in Piemonte.
Rimani aggiornato su tutto quello che succede con Piemonte Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like". Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter e via Instagram.