Il Festival delle Sagre Astigiane riparte da piazza Alfieri ad Asti sabato 10 e domenica 11 settembre

Dopo due anni di stop a causa della pandemia, il Festival delle Sagre Astigiane riparte da piazza Alfieri dove da sabato 10 settembre, dalle 18,30 sino alle 23,30 ci sarà la distribuzione dei piatti tipici della tradizione astigiana.

I principali attori del Festival delle Sagre Astigiane  saranno le Pro Loco del territorio che serviranno i piatti della tradizione povera contadina e presenteranno uno spaccato delle tradizioni, delle storie, delle leggende dei propri paesi nella sfilata della domenica 11 settembre .

Domenica 11 settembre 2022, a partire dalle 10 si terrà la consueta sfilata storica nelle vie cittadine animata da figuranti in costumi d’epoca, a piedi e sui carri trainati dai trattori a testa calda.

il corteo partirà da piazza Santa Caterina per proseguire lungo corso Alfieri, piazza I° Maggio, via Calosso, viale alla Vittoria, via F.lli Rosselli, corso Galileo Ferraris e corso Einaudi.Ad accompagnare la sfilata le Bande Musicali di Costigliole e Villafranca d’Asti.

Ogni paese, con la sua pro loco, metterà in scena il lavoro nei campi, i mestieri, le feste contadine e i riti religiosi. L’ordine e i temi delle pro loco:

  • Antignano: Antignano il giorno della fiera carolingia “Antignan el dì d’la fera ed San Sgund”.
  • Azzano: quando a emigrare eravamo noi… sogni, speranze, disperazione verso “la Merica”.
  • Calliano: la fonte solforosa della Pirenta.
  • Casabianca: ‘l carbùn d’na vira (taglio e commercio della legna).
  • Castellero: la nocciola, principale risorsa economica della vita contadina di un tempo.
  • Cunico: la vinificazione.
  • Mongardino: ‘l martinèt (il maglio) d’ Mungardìn e l’antica fabbricazione degli attrezzi agricoli.
  • Montechiaro: le sarte di Montechiaro.
  • Montiglio Monferrato: l’acqua elemento essenziale di vita e di lavoro nel Monferrato agli inizi del ‘900.
  • Revignano: andùma a viè (la veglia nella stalla).
  • San Damiano: la festa ‘d San Roc.
  • Sessant: quando la campanella dell’asilo suonava a Sessant.
  • Variglie: la pesca limonina: coltivazione, raccolta e conservazione.

Domenica 11 settembre, dalle 11.30 alle 22.00, il villaggio gastronomico di piazza Alfieri accoglierà il pubblico di buongustai e di appassionati dei piatti tipici realizzati dalle pro-loco partecipanti.

I piatti sono divisi tra antipasti, primi, secondi e dolci. Solo ed esclusivamente ricette tradizionali, tramandate di generazione in generazione e cucinate con materia prima di territorio.

  • Antignano: Tajarin di mais 8 file al sugo di salsiccia (€ 4,50), Barbera d’Asti docg 2021 (€ 1,50) e Crostata di mais con confettura di ciliegie (€ 2,50).
  • Azzano: Risotto ai funghi (€ 5,00), Grignolino d’Asti (€ 1,50) e Barbera d’Asti docg 2021 (€ 1,50).
  • Calliano: Agnolotti d’asino (€ 7,00), Barbera d’Asti docg 2021 (€ 1,50) e Salamini d’asino (€ 2,50).
  • Casabianca: Polenta fritta con gorgonzola (€ 3,50), Barbera d’Asti docg 2021 (€ 1,50) e Salame dolce di Casabianca (€ 2,50).
  • Castellero: Biscotti del parroco alle nocciole (€ 2,50), Croccanti di nocciole (€ 2,50) e Moscato d’Asti docg 2021 (€ 1,50).
  • Cunico: Gnocchi alla Cunichese (€ 4,50) e Barbera d’Asti docg 2021 (€ 1,50).
    Mongardino: Risotto alla Barbera d’Asti (€ 4,00), Barbera d’Asti docg 2021 (€ 1,50) e Antico “mun” – mattone dolce (€ 2,50).
  • Montechiaro: Risotto con tartufo (€ 6,00), Piemonte Barbera 2021 (€ 1,00) e Crema dolce di Montechiaro (€ 2,50).
  • Montiglio Monferrato: Uova al tegamino con tartufo e polenta (€ 6,50), Barbera d’Asti Superiore docg 2015 (€ 1,50), Freisa d’Asti 2017 (€ 1,50). Torta di nocciole (€ 2,50) e Malvasia di Castelnuovo Don Bosco 2021 (€ 1,50).
  • Revignano: Zabaglione al Moscato d’Asti (€ 2,50), Bunèt della nonna (€ 2,50) e Moscato d’Asti docg 2021 (€ 2,00).
  • San Damiano: Salsiccia alla Barbera d’Asti (€ 5,00), Barbera d’Asti docg 2021 (€ 1,50) e Canestrelli di San Damiano (€ 2,00).
  • Sessant: Carne cruda all’Astigiana (€ 5,00), Piemonte Barbera 2021 (€ 1,00) e Torta dolce di pane della tradizione contadina (€ 2,50).
  • Variglie: Pan marià – pane raffermo, passato nell’uovo e fritto (€ 2,80), Friciulin (frittini) di riso (€ 2,50) e Barbera d’Asti docg 2020 (€ 1,50).


Ti è piaciuto Piemonte Expo ?
Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le nostre proposte per il tuo weekend , per i tuoi appuntamenti e per il tuo turismo in Piemonte.
Rimani aggiornato su tutto quello che succede con Piemonte Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like". Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter e via Instagram.