Il Bagna Cauda Day 2020 inventa la versione Sporta a Ca’ per superare il lockdown da coronavirus

Il Bagna Cauda Day 2020 inventa la versione Sporta a Ca’ per superare il lockdown da coronavirus nei due weekend dell’evento: 27-28-29 novembre e 4-5-6 dicembre. Per partecipare al Bagna Cauda Day 2020 occorre prenotare nei ristoranti che in tutta sicurezza proporranno la loro bagna cauda e ordinare il servizio “Sporta a cà” per poi preparare la propria bagna cauda con ingredienti di qualità e godersela in casa, con il bavagliolone d’autore. Leggi tutto »

Dal 24 Ottobre 2020 al 31 Gennaio 2021 alla Palazzina di Caccia Stupinigi, Andy Wharol Super Pop mostra sulla vita dell’artista

Dal 24 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021 alla Palazzina di Caccia, Andy Wharol super pop , mostra  per conoscere il viaggio estroso e colorato nella vita di Warhol.

Una mostra per conoscere genio, creatività ed innovazione del padre della Pop Art. Per comprendere il suo mondo, la sua essenza di uomo e la sua opera, capace di influenzare l’arte ed il pensiero della società contemporanea.

Per la prima volta a Torino, un’esposizione unica che raccoglie oltre settanta opere ufficiali: fotografie, serigrafie, litografie, stampe, acetati, ricostruzioni fedeli degli ambienti e dei prodotti che Warhol amava e da cui traeva ispirazione.

il visitatore sarà all’insegna della storia di Wharol , da grafico pubblicitario ad artista di successo, potendo ammirare le sue opere iconografiche, come Marylin Monroe, the Self Portrait, Cow e Campbell’s soup.

                         

Nel percorso all’interno della mostra ci saranno, gli acetati e le lastre serigrafiche da cui prendevano vita le sue stampe.

Si potrà osservare l’esposizione della collezione di scatti del fotografo statunitense Fred W. McDarrah , che fotografò Wharol per oltre trent’anni , svelando da una parte il lato più intimo ed umano e dall’altra la parte più estrose, legata alle sue pratiche artistiche.

Warhol viene quindi ritratto all’apice della sua carriera circondato dalle scatole di Brillo durante l’inaugurazione di una sua mostra personale dal titolo Warhol and Brillo Boxes at Stabel Gallery, 1964, mentre gira una delle sue pellicole sperimentali, o ancora, molti anni più tardi, intento in una delle sue attività preferite: una telefonata.

Una delle opere più iconiche di Warhol sono sicuramente le Silver Clouds, la cui replica sarà presente nel percorso espositivo.

Un’installazione composta da palloncini che fluttuano a mezz’aria e circondano il visitatore, creata per la prima volta nel 1966 alla Leo Castelli Gallery, dove McDarrah ha documentato il processo di allestimento.

La raccolta ,Warhol inflates his Silver Clouds installation at the Leo Castelli Gallery, 1966 ,mostrerà l’Andy comunicatore, in compagnia, nei migliori locali di tendenza d’America, oltre che intento a creare le sue opere artistiche nella Factory.

La Factory è la fabbrica dove Warhol produceva la maggior parte del suo lavoro, ma anche il suo quartier generale, il luogo di ritrovo e condivisione dove tutti i suoi amici si riunivano per condividere fantasie, passioni ed idee, tra trasgressive feste all’avanguardia.

E’ lo spazio dove la Pop Art è uno stile di vita e alla base c’è l’accettazione di qualsiasi comportamento, senza giudizio, tra attori, drag queen, personaggi mondani e liberi pensatori, alla corte di Warhol passano anche artisti come Lou Reed, Bob Dylan, Truman Capote e Mick Jagger.

 

Alla Palazzina di Caccia di Stupinigi sarà ricreata l’atmosfera dello studio ed esposta la copia esatta dello storico divano rosso de la Factory.

A chiudere il percorso saranno gli scatti del fotografo Anton Perich ai visitatori classici della Factory, le testimonianze di Keith Haring a Basquiat, artista contemporaneo vicino a Wharol.

 

Andy Wharol super pop è organizzata da Next Exhibition e Ono Arte con il patrocinio della Città Metropolitana di Torino per permettere ai visitatori di fare un tuffo negli anni ‘50/60.

La mostra che proseguirà fino al 31 gennaio 2021 sarà aperta dal martedì al venerdì dalle 10 alle 17.30 e nel weekend dalle 10 alle 18.30.

La Fiera del porro Cervere presenta la Porro Box direttamente consegnata a casa

La Fiera del Porro Cervere è organizzata grazie all’Associazione Comunale che si occupa di sostenere la Fiera, di promuoverne la buona riuscita e di comunicare le varie attività che vengono messe a punto anno dopo anno per il bene della comunità, dei suoi prodotti, della sua immagine e dell’identità del collettivo .

Quest’anno l’intera organizzazione, data la situazione e il rispetto per le norme governative, ha creato la Porro Box.

Leggi tutto »

Precollinear Park il progetto di Torinostratosferica per dare vita a Corso Gabetti

L’associazione culturale no profit Torinostratosferica  attiva già dal 2014, ha presentato il progetto Precollinear park, il parco che fa tendenza.

Il progetto è stato già presentato nella scorsa edizione del festival Utopian Hours, festival internazionale della città creato da Torinostratosferica, si tratta di un intervento di pianificazione e progettazione della striscia verde al centro di Corso Gabetti.

Leggi tutto »

A Piasco nel cuneese l’unico museo dell’Arpa al mondo dedicato a Victor Salvi

Il Museo dell’Arpa Victor Salvi, si trova a Piasco, all’imbocco della Valle Varaita in provincia di Cuneo, è stato inaugurato con l’apertura al pubblico il 28 gennaio 2006 ed è gestito dall’Associazione Museo dell’Arpa Victor Salvi. È il primo ed unico museo al mondo interamente dedicato all’arpa, alla sua storia e al suo universo sonoro. Si tratta di una struttura polifunzionale che comprende uno spazio espositivo, un auditorium, l’ingresso con la biglietteria e  lo spazio vendita del Museo.

Leggi tutto »

Alla scoperta dei tesori Piemontesi, Formaggio Bra e Raschera

Il Piemonte, terra di formaggi che nasconde in ogni provincia particolari tesori che raccontano grandi storie, di un lontano passato che è giunto immutato fino ad oggi.

Questo viaggio sarà alla scoperta del formaggio Bra, nato tra le vallate e le montagne di tutta la provincia di Cuneo fino alla città di Bra, dove veniva stagionato e del formaggio Raschiera che deve il suo nome al lago Raschiera ai piedi delle Alpi Liguri. Leggi tutto »