Paratissima 2020 diventa Art Station

Paratissima sperimenta per il 2020 un nuovo format espositivo per artisti indipendenti e gallerie d’arte più sostenibile e flessibile. La manifestazione estende la sua durata su circa due mesi, dal 23 ottobre all’8 dicembre, invece dei soliti 5 giorni, offrendo di volta in volta al pubblico contenuti nuovi e differenti.

La fiera mantiene inalterata la sua identità, con la sua mission di sostegno all’arte emergente e conferma la sede dell’ex Accademia Artiglieria di Torino in piazzetta Accademia Militare 3. Variano i tempi di fruizione dedicati alle sezioni che compongono l’intero evento: arti visive, gallerie d’arte e fotografia.

Quattro gli appuntamenti in programma: la prima parte, dal 23 ottobre al 1° novembre, affronta il tema della contemporaneità nelle 5 mostre collettive, che coinvolgono più di 80 artisti ; la seconda parte dal 6 all’8 novembre è dedicata alle gallerie d’arte; la terza dal 13 al 22 novembre affronta il tema del futuro e della necessità del cambiamento con le mostre di arti visive curate dalla direzione artistica; e infine l’ultima parte dal 27 novembre all’8 dicembre è dedicata alla fotografia contemporanea con due mostre curate e un progetto speciale per raccontare la quarantena, il lockdown e la forza della comunicazione visiva della fotografia autoriale.

Paratissima, simbolo della creatività in costante movimento, diventa così a tutti gli effetti una stazione d’arte. Infatti il claim, Cross the Yellow Line, è un invito è a salire a bordo dei “treni” di volta in volta proposti per compiere un viaggio di scoperta sempre diverso, oltrepassando idealmente quei limiti imposti dalla onnipresente linea gialla, forma mentis necessaria per avvicinarsi e comprendere l’arte contemporanea.

A Giaveno Fungo in festa dedicato al re dei boschi della Val Sangone

Domenica 11 ottobre il programma della trentanovesima edizione di “Fungo in festa” a Giaveno proporrà eventi consolidati e novità. Alla capitale dei funghi in Piemonte da qualche settimana i funghi sono arrivati nel mercato dei boulajour : porcini, garitôle, mùtun, fré, famiole e altre bontà controllate e certificate. Il re dei boschi della Val Sangone è ovviamente il porcino, intorno a cui si è costruita l’identità enogastronomica della Città di Giaveno e del territorio. Leggi tutto »

Le bellezze del Piemonte: i monti, le colline dei vini, i laghi

Siete mai stati in Piemonte per passare una vacanza immersi nella natura? L’offerta naturalistica di una delle maggiori regioni italiane per estensione è davvero varia e diffusa. Si va dalle più alte montagne della penisola, dove dedicarsi allo sci o alle escursioni, alle colline dei grandi vini, ai territori dei laghi, senza dimenticare gli aspetti culturali che offre la regione. Leggi tutto »