Rifugio Grande Halte

Rifugio Grande Halte
Tipologia
Descrizione

Il rifugio Grande Halte si trova ad Alagna, in frazione Dosso.

Sorto all’inizio del ‘900 come albergo in quota sugli ampi parti dell’alpe Sewij, il rifugio Grande Halte ha svolto per diversi decenni il ruolo di importante e frequentata tappa per la salita al Col d’Olen, alla Capanna Margherita e alle cime del Monte Rosa. Nel corso degli anni l’edificio è stato ristrutturato e conserva molti degli arredi d’epoca e la suggestione di un locale alpino storico.

A 10 minuti dalla stazione di Pianalunga offre un’atmosfera sospesa tra antico e moderno, con tutto il calore ed i comforts necessari per trascorrere soggiorni di quiete e qualità sia in inverno che in estate.

La gestione del rifugio è particolarmente attenta al rispetto dell’ambiente, produce autonomamente l’energia con una microcentrale elettrica e propone una cucina che ricerca con attenzione i prodotti locali naturali e biologici migliori.

Le camere sono in legno, calde e confortevoli, con bagni al piano, sauna (solo in inverno) e docce calde. La ski room dispone di scalda scarponi e ciabatte per gli ospiti di passaggio.

Il rifugio si raggiunge in funivia fino alla stazione di Pianalunga poi con gli sci o a piedi per circa 500 m.

Dietro agli impianti della funivia, fra le case, si stacca il sentiero n. 5 che conduce al rifugio, ore di percorrenza: 1,30. Dalla frazione Piane in 1 ora. Da Alagna, con la funivia di Punta Indren, poi sentiero, in 20 minuti.

Intorno al rifugio si può trovare:

Corno del Camoscio a 3024 m.
Corno di Stofful a 2385 m.
Rifugio Crespi Calderini a 1829 m per la Bocchetta delle Pisse.

Descrizione lunga

Il rifugio Grande Halte si trova ad Alagna, in frazione Dosso.

Sorto all’inizio del ‘900 come albergo in quota sugli ampi parti dell’alpe Sewij, il rifugio Grande Halte ha svolto per diversi decenni il ruolo di importante e frequentata tappa per la salita al Col d’Olen, alla Capanna Margherita e alle cime del Monte Rosa. Nel corso degli anni l’edificio è stato ristrutturato e conserva molti degli arredi d’epoca e la suggestione di un locale alpino storico.

A 10 minuti dalla stazione di Pianalunga offre un’atmosfera sospesa tra antico e moderno, con tutto il calore ed i comforts necessari per trascorrere soggiorni di quiete e qualità sia in inverno che in estate.

La gestione del rifugio è particolarmente attenta al rispetto dell’ambiente, produce autonomamente l’energia con una microcentrale elettrica e propone una cucina che ricerca con attenzione i prodotti locali naturali e biologici migliori.

Le camere sono in legno, calde e confortevoli, con bagni al piano, sauna (solo in inverno) e docce calde. La ski room dispone di scalda scarponi e ciabatte per gli ospiti di passaggio.

Il rifugio si raggiunge in funivia fino alla stazione di Pianalunga poi con gli sci o a piedi per circa 500 m.

Dietro agli impianti della funivia, fra le case, si stacca il sentiero n. 5 che conduce al rifugio, ore di percorrenza: 1,30. Dalla frazione Piane in 1 ora. Da Alagna, con la funivia di Punta Indren, poi sentiero, in 20 minuti.

Intorno al rifugio si può trovare:

Corno del Camoscio a 3024 m.
Corno di Stofful a 2385 m.
Rifugio Crespi Calderini a 1829 m per la Bocchetta delle Pisse.


Ti è piaciuto Piemonte Expo ?
Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le nostre proposte per il tuo weekend , per i tuoi appuntamenti e per il tuo turismo in Piemonte.
Rimani aggiornato su tutto quello che succede con Piemonte Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like". Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter e via Instagram.