Rifugio Carestia

Rifugio Carestia
Tipologia
Descrizione

Il rifugio Abate Antonio Carestia è un rifugio di proprietà del CAI (sezione di Varallo Sesia) situato nella frazione di Riva Valdobbia (VC), in Val Vogna, valle laterale dell'alta Valsesia, nelle Alpi Pennine, a 2.201 metri di altitudine.

Adagiato nel vallone del Rissuolo, sulla via normale per il Corno Bianco, il Rifugio Carestia nasce nel 1995 in sostituzione del precedente divenuto pericolante. É dedicato ad Antonio Carestia, botanico-alpinista di fama internazionale tanto legato a questa valle.

La struttura dispone di una sala bar ristorante, servizi e docce comuni, illuminazione elettrica e 24 posti letto. Il rifugio è il luogo ideale per un soggiorno di quiete in un ambiente alpino lontano dallo stress.

Dalla frazione Cà di Janzo a 1350 m, seguire il sentiero n. 1, comodo nella parte iniziale e poi ripido, ma ben segnato fino all’alpe Pile dove si trova il rifugio, un balcone sulla valle dove la vista spazia dall’ospizio Sottile all’alpe Maccagno, a Riva con una spettacolare vista sul tortuoso dipanarsi del bacino del Vogna (ore di percorrenza: 3).

Nei pressi del rifugio si trovano:

- Corno Bianco a 3320 m attraverso il passo dell’Artemisia (ore di percorrenza: 2.30).

- Laghi Bianco a 2332 m, (30 minuti di percorrenza) e Nero a 2672 m, (1.30 h di percorrenza).

- Traversata Ospizio Sottile al colle di Valdobbia a 2480 m attraverso il passo dell’Alpetto a 2774 m, (ore di percorrenza: 2.30).

Descrizione lunga

Il rifugio Abate Antonio Carestia è un rifugio di proprietà del CAI (sezione di Varallo Sesia) situato nella frazione di Riva Valdobbia (VC), in Val Vogna, valle laterale dell'alta Valsesia, nelle Alpi Pennine, a 2.201 metri di altitudine.

Adagiato nel vallone del Rissuolo, sulla via normale per il Corno Bianco, il Rifugio Carestia nasce nel 1995 in sostituzione del precedente divenuto pericolante. É dedicato ad Antonio Carestia, botanico-alpinista di fama internazionale tanto legato a questa valle.

La struttura dispone di una sala bar ristorante, servizi e docce comuni, illuminazione elettrica e 24 posti letto. Il rifugio è il luogo ideale per un soggiorno di quiete in un ambiente alpino lontano dallo stress.

Dalla frazione Cà di Janzo a 1350 m, seguire il sentiero n. 1, comodo nella parte iniziale e poi ripido, ma ben segnato fino all’alpe Pile dove si trova il rifugio, un balcone sulla valle dove la vista spazia dall’ospizio Sottile all’alpe Maccagno, a Riva con una spettacolare vista sul tortuoso dipanarsi del bacino del Vogna (ore di percorrenza: 3).

Nei pressi del rifugio si trovano:

- Corno Bianco a 3320 m attraverso il passo dell’Artemisia (ore di percorrenza: 2.30).

- Laghi Bianco a 2332 m, (30 minuti di percorrenza) e Nero a 2672 m, (1.30 h di percorrenza).

- Traversata Ospizio Sottile al colle di Valdobbia a 2480 m attraverso il passo dell’Alpetto a 2774 m, (ore di percorrenza: 2.30).