Rifugio Alpetto

Rifugio Alpetto
Tipologia
Descrizione

Il rifugio Alpetto è un rifugio nel comune di Oncino, nella Valle Po, a 2.268 m. Inaugurato nel 1998, dispone di 24 posti letto.

Poco distante dal moderno rifugio sorse, nel 1866, la prima struttura ricettiva del Club Alpino Italiano, il ricovero dell’Alpetto, che costituiva un punto d’appoggio nella salita al Monviso dalla Valle Po. Questa struttura rimase in funzione fino al 1905, poi fu sostituita dal rifugio Quintino Sella al Monviso, più ampio e confortevole. Il ricovero cadde in disuso, finché nel 1985 fu ristrutturato dall’associazione Amici della montagna di Oncino. Nel 1998 il CAI di Cavour costruì il nuovo rifugio; la struttura del vecchio ricovero è stata trasformata nel Museo degli albori dell’alpinismo Giacomo Priotto, struttura museale dedicata agli albori (anni 1850-1860) dell’alpinismo italiano.

Descrizione lunga

Il rifugio Alpetto è un rifugio nel comune di Oncino, nella Valle Po, a 2.268 m. Inaugurato nel 1998, dispone di 24 posti letto.

Poco distante dal moderno rifugio sorse, nel 1866, la prima struttura ricettiva del Club Alpino Italiano, il ricovero dell’Alpetto, che costituiva un punto d’appoggio nella salita al Monviso dalla Valle Po. Questa struttura rimase in funzione fino al 1905, poi fu sostituita dal rifugio Quintino Sella al Monviso, più ampio e confortevole. Il ricovero cadde in disuso, finché nel 1985 fu ristrutturato dall’associazione Amici della montagna di Oncino. Nel 1998 il CAI di Cavour costruì il nuovo rifugio; la struttura del vecchio ricovero è stata trasformata nel Museo degli albori dell’alpinismo Giacomo Priotto, struttura museale dedicata agli albori (anni 1850-1860) dell’alpinismo italiano.


Ti è piaciuto Piemonte Expo ?
Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le nostre proposte per il tuo weekend , per i tuoi appuntamenti e per il tuo turismo in Piemonte.
Rimani aggiornato su tutto quello che succede con Piemonte Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like". Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter e via Instagram.