Forte di Exilles – TO

Forte di Exilles – TO
Forte di Exilles – TO

Cenni storici Il forte è uno dei più importanti sistemi difensivi del Piemonte, insieme al complesso fortificato di Fenestrelle e a quello di Vinadio. Venne impiegato a fasi alterne sia dai Savoia e sia dai francesi. La sua posizione al centro di una strettoia dell’alta Valle di Susa infatti lo rendeva una minaccia sia per gli eserciti che scendevano dall’alta valle che per quelli che risalivano dal fondo valle. Dopo varie peripezie militari, con l’avvento di Napoleone Bonaparte il forte è destinato alla demolizione: così vuole il Trattato di Parigi. Verrà riedificato con il ritorno del Piemonte e dei Savoia al Regno di Sardegna. La ricostruzione dura dal 1818 al 1829: viene riproposta la stessa architettura preesistente, aggiornandola soltanto alle nuove esigenze militari. L’8 settembre 1943 il Forte di Exilles viene abbandonato definitivamente dall’esercito e rimane a lungo in balìa dei vandali e degli eventi atmosferici. Nel 1978 la Regione Piemonte acquisisce il bene dal Demanio Militare con comodato, con l’impegno di provvedere al restauro e recupero funzionale del monumento. Dal 2000 è aperto al pubblico; all’interno sono organizzati vari eventi e manifestazioni.

Info Tel. 327 6262304 || Mail: [email protected] || Sito http://www.exillesilforte.it/

Aperture Gli appuntamenti sono a ingresso libero, tranne le visite a cura dell’associazione Amici del Forte (info prezzi e prenotazioni 327 6262304 | ilfortediexilles.it). In caso di pioggia, gli appuntamenti previsti al Giasset si svolgono presso la Cappella del Forte.
Il Forte è aperto (ore 10-18) a giugno e settembre tutti i sabati e le domeniche, a luglio e agosto: da martedì a domenica (14-15 agosto aperto). Orari visite 11-12 / 14-16.

(eventi) http://www.exillesilforte.it/programma/