Rifugio Pietro Crosta

Rifugio Pietro Crosta
Azienda: Rifugio Pietro Crosta
Tipologia:
Descrizione:

Da San Domenico 1410 m. Percorse poche decine di metri verso valle dal parcheggio di S. Domenico, si trova a sinistra l’inizio del percorso in corrispondenza della targa del “Sentiero Serafi no Coscia”. Seguendo le segnalazioni, si percorre un fi tto bosco prima di incontrare la nuova strada forestale che conduce direttamente al rifugio, ore di percorrenza 2,30. Da Foppiano, a 1217 m. Remunerativo itinerario dapprima in un bosco di faggi con due possibilità: la Bocca del Lupo o il Passo della Colmine 1630 m, si scende all’alpe Proso a 1560 m, per poi risalire fino al rifugio, ore di percorrenza 2,30. Da Coggia, a 800 m, si procede sino al termine della strada in terra battuta a Bialugno a 1200 m da dove si riprende il vecchio sentiero che sale in un bosco ceduo. Passando per alcuni alpeggi si giunge alla Ca’ Bianca e poi in un fi tto bosco di conifere prima di sbucare nella conca prativa dell’Alpe Solcio, a 1680 m. Attraversato il rio S. Giovanni in breve si giunge al rifugio, ore di percorrenza 2,30. Da Maulone, località sopra Varzo, a 900 m, strada consorziale asfaltata con tratti sterrati. Consigliata con innevamento, ore di percorrenza 2,30.

M. Cistella 2880 m: dal rifugio salire sulla sinistra del Vallone di Solcio. Tra splendide fioriture si giunge alla Bocchetta di Solcio. Piegare a destra, risalire per arrivare ad un altopiano in vista del bivacco Leoni 2803 m, a sinistra, poco prima la grotta della Madonnina. Alla destra del bivacco un canale conduce alla cima 2880 m. Il panorama è a 360°, maestoso. Nelle giornate terse si vede la Capanna Margherita, ore 4.
Pizzo Boni, con parecchie vie d’arrampicata.
Pizzo Diei 2906 m.

Descrizione lunga:

Da San Domenico 1410 m. Percorse poche decine di metri verso valle dal parcheggio di S. Domenico, si trova a sinistra l’inizio del percorso in corrispondenza della targa del “Sentiero Serafi no Coscia”. Seguendo le segnalazioni, si percorre un fi tto bosco prima di incontrare la nuova strada forestale che conduce direttamente al rifugio, ore di percorrenza 2,30. Da Foppiano, a 1217 m. Remunerativo itinerario dapprima in un bosco di faggi con due possibilità: la Bocca del Lupo o il Passo della Colmine 1630 m, si scende all’alpe Proso a 1560 m, per poi risalire fino al rifugio, ore di percorrenza 2,30. Da Coggia, a 800 m, si procede sino al termine della strada in terra battuta a Bialugno a 1200 m da dove si riprende il vecchio sentiero che sale in un bosco ceduo. Passando per alcuni alpeggi si giunge alla Ca’ Bianca e poi in un fi tto bosco di conifere prima di sbucare nella conca prativa dell’Alpe Solcio, a 1680 m. Attraversato il rio S. Giovanni in breve si giunge al rifugio, ore di percorrenza 2,30. Da Maulone, località sopra Varzo, a 900 m, strada consorziale asfaltata con tratti sterrati. Consigliata con innevamento, ore di percorrenza 2,30.

M. Cistella 2880 m: dal rifugio salire sulla sinistra del Vallone di Solcio. Tra splendide fioriture si giunge alla Bocchetta di Solcio. Piegare a destra, risalire per arrivare ad un altopiano in vista del bivacco Leoni 2803 m, a sinistra, poco prima la grotta della Madonnina. Alla destra del bivacco un canale conduce alla cima 2880 m. Il panorama è a 360°, maestoso. Nelle giornate terse si vede la Capanna Margherita, ore 4.
Pizzo Boni, con parecchie vie d’arrampicata.
Pizzo Diei 2906 m.


Ti è piaciuto Piemonte Expo ?
Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le nostre proposte per il tuo weekend , per i tuoi appuntamenti e per il tuo turismo in Piemonte.
Rimani aggiornato su tutto quello che succede con Piemonte Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like". Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter e via Instagram.