SALUTE E BENESSERE DELLA CUTE: IL SEGRETO È LA PREVENZIONE

Date: 3 Dicembre 2016

Sito Web

 

Sabato 3 dicembre, dalle 16 alle 17,30 presso il PoliambulatorioES il dottor Stefano Titli, dermatologo, e la dottoressa Eleonora Bellezza, chirurgo plastico, affronteranno il tema della salute della pelle intesa come prevenzione oncologica e cura dell’invecchiamento.

 

Negli anni recenti si è osservato un netto incremento delle diagnosi di melanoma, il tumore maligno della pelle più pericoloso e aggressivo. Il record italiano è purtroppo torinese, con 19 casi all’anno su 100 mila abitanti contro una media nazionale di 12 casi su 100 mila abitanti.

Ciò che sorprende è che l’organo colpito, la cute, è quello più facilmente osservabile perché esposto al nostro sguardo. Tanto più che, nelle fasi iniziali, un melanoma è asportabile chirurgicamente in modo semplice e si può risolvere definitivamente la problematica.

C’è dunque un primo problema di sensibilizzazione della popolazione: occorre osservare la pelle, cercando di cogliere ogni piccolo segno di cambiamento come un nuovo neo, oppure un neo che cambia aspetto diventando più grande, più scuro o irregolare nella forma. Ma soprattutto, occorre far controllare periodicamente la cute allo specialista dermatologo che, mediante opportuni strumenti, è in grado di evidenziare ogni piccolo segnale di allarme.

Dagli anni ’90 in poi i dermatologi hanno visto perfezionare i propri strumenti diagnostici, a partire dal dermatoscopio, un sistema di lenti in grado di illuminare ed ingrandire la cute permettendo di riconoscere anche le più piccole irregolarità. Oggi, grazie a questo strumento, sappiamo riconoscere forme estremamente iniziali di melanoma non identificabili come tali ad occhio nudo.

Inoltre, attraverso la tecnologia digitale, il clinico è in grado di confrontare le lesioni nel tempo (Epiluminescenza digitale) per capire se una lesione si modifica e poter intervenire non appena vi siano minimi segnali di pericolo. La mappatura dei nevi in Epiluminescenza è un esame rapido, non invasivo, ed è in grado di incrementare nettamente la sensibilità e la specificità della diagnosi dermatologica.

Quando i segnali sono tranquillizzanti, cosa possiamo fare per contrastare l’invecchiamento? Prendersi cura di sè, del proprio corpo, attenuare i segni dell’invecchiamento è possibile anche grazie alla medicina estetica. Ad oggi si sente molto parlare di questa disciplina, e sempre di più, uomini e donne, le si affidano per migliorare il proprio aspetto e sentirsi meglio con se stessi e con gli altri.

Ma cos’è la Medicina Estetica? La Medicina Estetica è una branca della medicina che mette a disposizione una serie di trattamenti non invasivi o mini-invasivi con lo scopo di permettere a ciascuno di avvicinarsi, nei limiti del possibile, all’immagine estetica di sè che più preferisce e di eliminare gli inestetismi che possono compromettere tale immagine. L’obiettivo non deve essere quello di stravolgere la naturalezza dei lineamenti, ma di mitigarne i difetti e ripristinare l’equilibrio tra forme e volumi.

Oggi giorno sono molte le tecniche, i prodotti e trattamenti a disposizione, per cui è possibile concordare con il paziente la terapia che più si addice ai suoi desiderata. La Medicina Estetica, come anche la Chirurgia Estetica nei casi che lo richiedono, sono a disposizione delle persone che decidono di stare meglio e di vedersi meglio, per porsi in società con una nuova sicurezza.

Al termine dell’incontro seguirà un piccolo rinfresco.

 

 

 

Ufficio Stampa: Raffaella Ronchetta | [email protected] | mobile 334 8822187

 

Ti è piaciuto Piemonte Expo ?
Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le nostre proposte per il tuo weekend , per i tuoi appuntamenti e per il tuo turismo in Piemonte.
Rimani aggiornato su tutto quello che succede con Piemonte Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su “Like”. Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter e via Instagram.

Mappa non disponibile

Categorie: