Giornata della memoria 2020 – Torino

Sto caricando la mappa ....

Quando
Date(s) - 20 Gennaio 2020/5 Marzo 2020
Tutto il giorno

Dove
Luoghi Vari, Diverse Sedi (controllare il sito)

Risorse Online Sito Web

Categorie


Il 27 gennaio del ’45 i cancelli di Auschwitz vennero abbattuti. Da quel giorno il mondo non fu più lo stesso e il dovere primario di chi non visse quegli anni resta il racconto, la riflessione, la memoria.

Con una serie di iniziative in tutto il mondo si ricorda lo sterminio di milioni di persone per mano nazi-fascista. Non solo ebrei ma anche nemici politici, diversamente abili, soldati, omosessuali, ed altri centinaia di migliaia di esseri umani semplicemente diversi da ciò che alcuni consideravano “degno della vita”.

L’aberrante ideologia da cui derivò la tragedia dell’olocausto la si combatte capendo, ricordando e tramandando ciò che fu l’olocausto. Per questo più di 50 organizzazioni – associazioni, Istituzioni, Musei, Biblioteche, Case del quartiere – hanno contribuito a creare il fitto calendario di iniziative.

Le commemorazioni hanno inizio al Cimitero Monumentale in corso Novara e proseguono
nella Sala del Consiglio comunale dove si svolge la celebrazione ufficiale, alla presenza della Sindaca, del presidente del Consiglio Regionale e delle Autorità.

Il Polo del ‘900 ha elaborato un programma di attività che avrà come baricentro il Polo stesso e i luoghi della memoria della deportazione. I percorsi delle pietre d’inciampo, laboratori per bambini, appuntamenti per le scuoe, teatro musica fino al 6 febbraio.

E’ prevista l’apertura straordinaria del Museo Diffuso della Resistenza. Il percorso multimediale interattivo dell’allestimento permanente conduce il visitatore in un viaggio virtuale di Torino nel decennio che va dall’approvazione delle norme antiebraiche alla promulgazione della Costituzione.
Inoltre Torino , dal 2015, ricorda i deportati nei campi di concentramento con le pietre d’inciampo, una iniziativa promossa dall’artista tedesco Gunter Demnig per ricordare le persone innocenti deportate nei campi di sterminio durante il periodo nazista.

Su ogni pietra, posata davanti l’ultima abitazione della vittima di questa feroce follia, sono incisi nomi, date e luoghi. A gennaio 2020 ne vengono posizionate altre 6 , arrivando così a 114 le pietre d’inciampo presenti sul territorio cittadino.

Qui il programma completo degli eventi organizzati: