La Cantina Produttori Erbaluce di Caluso propone due nuovi vini

La Cantina Produttori Erbaluce di Caluso che vanta 160 soci e 38 ettari di vigneti ha lanciato due novità, Il Puntozero, Erbaluce fermo che va al mercato dopo una fermentazione avviata da lieviti autoctoni e 12 mesi di permanenza sulle fecce fini e Goccia d’oro 36, un Metodo Classico con 36 mesi di affinamento sui lieviti, il doppio del Goccia d’oro esistente.
La cooperativa Cantina Produttori Erbaluce Caluso è nata nel 1975, fondata da 14 viticoltori ed ospitata nei locali della Scuola Enologica, a Caluso, nei prossimi 18 mesi raddoppierà i suoi locali, aumentando gli spazi.

La Cantina associa circa l’80% dei produttori di Caluso e viene utilizzata anche come laboratorio didattico dagli allievi dell’Istituto Agrario Ubertini. La produzione si concentra sulle tre tipologie di Erbaluce di Caluso DOCG e  Canavese DOC oltre che il Caluso Passito, ottenuto con l’appassimento delle uve sui graticci per almeno 5/6 mesi e con l’invecchiamento di almeno tre anni. L’Erbaluce di Caluso Fiordighiaccio è  ottenuto con una selezione delle uve Erbaluce migliori che conferiscono al vino profumi e aromi più intensi. Di recente produzione sono il Caluso Spumante Cuvée Soleil ottenuto con il metodo Charmat ed il Goccia d’ Oro ottenuto con il metodo classico su base di Erbaluce di Caluso.

Sono anche stati stati presentati i lavori recentemente portati a termine sul Sentiero delle Pietre Bianche nei Comuni di Barone Canavese, Candia Canavese, Mercenasco, Montalenghe e Orio Canavese. Si tratta di un insieme di sentieri e strade bianche che compongono un itinerario ciclo-escursionistico collinare di oltre 50 km, parte integrante della Rete del Patrimonio escursionistico della Regione Piemonte, che tocca il territorio di 11 Comuni tra le province di Torino e Vercelli, nel cuore della produzione dei vini DOCG di Caluso.  Altri nuovi itinerari coinvolgeranno i Comuni di Caluso, Mazzè, Villareggia e Vische.