Rifugi Alpini in Piemonte

Baita Gimont

Situato in una piacevole conca, alle spalle il possente Monte Chaberton e di fronte un grazioso lago in cui il rifugio si specchia.

http://www.baitagimont.com/
Baita Omegna

Dal parcheggio, seguire le indicazioni, la durata del percorso è di mezz'ora. C’è la possibilità di salire in funivia da Stresa. È situato in posizione panoramica, a 5 minuti dalla vetta del Monte Mottarone. Possibilità di visitare il giardino alpino nei pressi.

Monte Mottarone 1491 m, ore 0,05.

http://www.baitacaimottarone.com/
Rifugio al Lago Verde

Si specchia nel grazioso laghetto circostante ed è circondato da imponenti cime quali il Bric Boucie, Gran Guglia e Gran Queyron.

http://www.rifugiolagoverde.it/
Rifugio Alpetto

A pochi metri dal rifugio è visibile il museo dell’Alpetto, primo rifugio CAI in Italia findato nell'anno 1866.

http://www.rifugioalpetto.it/
Rifugio Amprimo

È posto sul versante meridionale della bassa Val di Susa, nel Parco Naturale dell’Orsiera - Rocciavrè.

http://www.rifugioamprimo.it/
Rifugio Andolla

In posizione dominante la Val Loranco, vasto panorama circolare in cui a Est spiccano le cime del Pizzo della Preja e del Montalto, verso Sud i Ton, le Cime di Pozzuoli e la Punta Turiggia, a Ovest il pizzo Bottarello e il Pizzo di Loranco con la possente parete Est, infine verso Nord gli imponenti costoni del Pizzo Andolla. Di lato è ubicato il vecchio Rifugio Andolla, sempre aperto dotato di 15 posti, adibito a rifugio invernale.

Escursioni possibili nelle vicinanze:
Sentieri: C30 (Alpe Corone)
Itinerari :Via Alpina (percorso blu) - SFT (Simplon Fletschhorn Trekking) – GTA (Grande Traversata Delle Alpi) – Giro del Pizzo Andolla attraverso la “Ferrata del Lago”

Traversate da Rifugio a Rifugio:
Per la Valle Bognanco attraverso il Passo Andolla e il Passo Pontimia al Rifugio Alpe Laghetto
Per la Valle di Saas attraverso la via “Ferrata del lago” al Rifugio Almagellhutte
Per la Valle Anzasca attraverso le Coronette ed il Passo Antigine al Rifugio Oberto (Passo Monte Moro)
Giro del Pizzo Andolla attraverso la “Ferrata del Lago”.
Pizzo Andolla o Portjengrat 3654 m
Pizzo di Loranco o Mittelruk 3363 m.
Weissmies 4023 m.

Rifugio Anna Crespi Calderini

Dalla località Acqua Bianca seguendo le indicazioni si prende l’ampia e rinnovata mulattiera, che, in qualche tratto con una discreta pendenza, offre la superba visione della cascata delle Caldaie del Sesia. Si esce dalla zona boscosa e si trova una radura, attraversato un ponticello, al bivio, prendere a sinistra e scendere verso il Torrente Sesia, passare sotto un ponte coperto per giungere all’Alpe Pile, il grande pianoro erboso. Sulla destra prosegue il sentiero in una zona boscosa prima ed erbosa poi e giunge all’Alpe Casera Lunga a 1644 m. Proseguire seguendo il sentiero fi no a superare il ponticello sul Torrente Bors. Pochi passi dopo troviamo un bivio, procediamo a sinistra sul sentiero 10 che, in questo tratto diventa più ripido. Sulla destra sui può vedere l’imbocco della galleria della Miniera di San Maurizio e proseguendo si guadagna rapidamente quota grazie ad alcune svolte gradinate in pietra. Quando poi il sentiero diventa pianeggiante si giunge all’Alpe Bors. L’ultima del gruppo delle vecchie baite è il rifugio, 1 ora di percorrenza. Dalla località Wold, 1 km dopo Alagna, si continua a piedi su strada asfaltata per circa 3 km fino alla località Acqua Bianca, ore di percorrenza 1,45.

Barba Ferrero all’alpe Vigne, ore 2.
Città di Vigevano al Col d’Olen 2871 m.
Corni di Faller 3128 m.
Gressoney per il colle delle Pisse e il Col d’Olen, ore 6.
Macugnaga per il Colle del Turlo, 2738 m, ore 5.
Punta Grober 3497 m.
Punta Vittoria 3435 m.
Rifugi Gugliermina 3212 m.
Rifugio Resegotti 3624 m.

Rifugio Balma

È situato in alta Val Sangone, e precisamente nel Vallone del Rio Malesella. Il rifugio sorge nel bel mezzo delle vallate che costituiscono la testata della Val Sangone, ovvero in quella denominata della Balma. È l’unico rifugio propriamente detto e gestito della Val Sangone; sorge sui ruderi dell’Alpeggio della Balma, nel cuore del Parco dell’Orsiera-Rocciavrè. Assolutamente bello il colpo d’occhio che regala la posizione di questo rifugio su tutta la sottostante pianura, sin oltre la collina di Torino.

http://www.rifugiobalma.it/
Rifugio Barba Ferrero

Dalla Località Wold, su strada asfaltata fino al piazzale Acqua Bianca. Di qui si imbocca la mulattiera che, attraversando il bosco, diventa poi sentiero. Uscendo dalla boscaglia si trovano poi le indicazioni per raggiungere il rifugio, con il sentiero n. 7. Lungo il percorso si costeggia il Sesia e si prosegue immersi in un bel bosco di larici su sentiero sempre facile. Si attraversano due piccoli ponti in legno su sentiero sempre in piano, poi, la pendenza cambia e si inizia a salire. Il rifugio non è visibile fino all’ultimo, ma dopo larghe svolte la pendenza si attenua e si arriva al rifugio, ore di percorrenza: 3,15. Dal piazzale Acqua Bianca seguire l’itinerario, ore di percorrenza: 2,30.

Capanna Resegotti, a 3624 m: un altro itinerario porta alla Capanna Resegotti, poco sotto la cresta Signal. Si prosegue per i prati sovrastanti il rifugio attraverso un sentiero ben segnato fi no alla morena, di qui al ghiacciaio e poi per facili roccette al bivacco, ore 3,30.
Ghiacciai del Rosa: a fi anco del rifugio si segue un sentiero facile e ben visibile che conduce in mezzo a ben 4 ghiacciai consentendo di osservare veramente da vicino un ambiente straordinario, in cui si possono avvistare frequentemente branchi di stambecchi e camosci, ore 1,15.
Punta Grober a 3497 m.
Rifugio Gugliermina a 3212 m: lungo la morena del ghiacciaio delle Piode seguendo gli “omini” in pietra la si raggiunge, ore 3,30.

Rifugio Barbara Lowrie

Sorge alla testata della Valle Carbonieri, confl uente della Val Pellice, al centro di un pianoro tra larici e pascoli sovrastato a sud ovest dall’imponente mole del rifugio Manzol e dal Granero.

http://www.rifugiobarbara.com/