Le Residenze Reali in Piemonte – La Corona di Delizie

Palazzo Cisterna

Il nucleo originario dell'edificio risale al 1675 ad opera di Antonio Maurizio Valperga o di suo fratello Andrea . Tre anni dopo viene allestito il giardino interno, per desiderio della Madama Reale. Nel 1685 il Palazzo passa alla Famiglia Dal Pozzo della Cisterna, con cui inizia un lungo periodo di restauri grandiosi e di  splendore. Segue poi un periodo di interruzione delle opere di decoro, che riprendono solo nella seconda metà dell'Ottocento con il matrimonio tra Maria Vittoria, figlia di Carlo Emanuele della Cisterna, e Amedeo di Savoia duca d'Aosta.

Dopo la morte della Principessa Maria Vittoria Amedeo d'Aosta volle completare il Palazzo. Negli anni successivi agli inizi del '900 furono effettuati solo degli interventi minori; nel 1940 i Savoia-Aosta vendono l'edificio, ormai scarsamente utilizzato, all'Amministrazione Provinciale, diventandone sede ufficiale nel 1945 per poi diventarlo della Città Metropolitana.

Palazzo Reale

Il Palazzo Reale di Torino è la prima e più importante tra le residenze sabaude in Piemonte, teatro della politica del regno sabaudo per almeno tre secoli. È collocato nel cuore della città, nella Piazzetta Reale adiacente alla centralissima Piazza Castello, da cui si dipartono le principali arterie del centro storico: via Po, via Roma, via Garibaldi e via Pietro Micca.

Rappresenta il cuore della corte sabauda, simbolo del potere della dinastia e, congiuntamente alle altre dimore reali della cintura torinese è parte integrante dei beni dichiarati dall'UNESCO quali Patrimonio dell'Umanità. Palazzo Reale è un esempio unico dell'armonica unione di diversi stili architettonici. L'eleganza della facciata seicentesca e lo splendore delle sue numerose sale riccamente arredate sono specchio della sfarzosa vita di corte e testimonianza della plurisecolare storia di Casa Savoia.

http://www.ilpalazzorealeditorino.it/
Palazzo Madama di Torino

Palazzo Madama e Casaforte degli Acaja è un complesso architettonico e storico situato nella centrale piazza Castello a Torino. È patrimonio mondiale dell'umanità UNESCO, come parte del sito seriale Residenze Sabaude. Nel palazzo ha sede il Museo civico d'arte antica.

Si tratta di un connubio di duemila anni di Storia di Torino, dall'antichissima porta orientale della colonia romana di Julia Augusta Taurinorum alla Casaforte difensiva, quindi al Castello vero e proprio, simbolo del potere sabaudo fino almeno al XVI secolo, quando venne preferito l'attuale Palazzo Reale, come sede dei duca di Savoia.
La parte occidentale del primo complesso medioevale, fu poi chiamato Palazzo Madama perché fu dapprima abitato da Madama Cristina di Borbone-Francia, detta la prima Madama Reale, nel periodo 1620-1663 circa, e successivamente da Maria Giovanna Battista di Savoia-Nemours, detta la seconda Madama Reale, nel periodo 1666-1724. Fu per quest'ultima che l'attuale facciata fu disegnata, nel 1716-1718, dall'architetto di corte Filippo Juvarra.

http://www.palazzomadamatorino.it/it
Palazzo Carignano

Palazzo Carignano, nome completo Palazzo dei Principi di Carignano, è un edificio storico nel centro della città di Torino, in Piazza Carignano, vicino alla centrale Piazza Castello, pregevole esempio di architettura barocca piemontese. E' una delle più originali costruzioni del barocco, si distingue per l'andamento curvilineo della facciata in cotto e per l'atrio con le doppie scalinate: Guarino Guarini, che lo progettò nel 1679, si era ispirato ai disegni di Bernini per il Louvre. Nell'800 venne aggiunto un secondo corpo destinato a ospitare il Parlamento Italiano.

Insieme a Palazzo Reale e a Palazzo Madama fa parte dei più importanti edifici storici della città e, come questi, è parte del sito seriale UNESCO Residenze Sabaude.Fu storica sede del Parlamento Subalpino e del primo Parlamento del Regno d'Italia.
Attualmente ospita il Museo nazionale del Risorgimento italiano.

http://www.museorisorgimentotorino.it/
Palazzo Chiablese

Il Palazzo Chiablese è una dimora signorile di Torino che si affaccia sulla piazza del Duomo, situata in Piazza san Giovanni, nel centro storico della città. Dal 1958 al 1985 è stato sede del Museo Nazionale del Cinema di Torino, dal 1997 è iscritto alla lista del Patrimonio dell'umanità UNESCO come edificio parte del sito seriale "Residenze Sabaude".

Collegato a Palazzo Reale è sede degli uffici del Ministero per i beni e le attività culturali. Riprogettato da Alfieri a metà del '700, fu nei secoli dimora dei principi cadetti della dinastia. Fu residenza di Napoleone Bonaparte e luogo natale di Margherita, prima regina d'Italia.

 

Reggia di Venaria

La reggia di Venaria Reale è una delle Residenze Sabaude parte del sito seriale UNESCO iscritto alla Lista del Patrimonio dell'umanità dal 1997. La reggia di Venaria fu progettata dall'architetto Amedeo di Castellamonte. A commissionarla fu il duca Carlo Emanuele II che intendeva farne la base per le battute di caccia nella brughiera collinare torinese. Oltre all'edificio vero e proprio sono bellissimi da visitare anche i girdini della reggia, soprattutto in primavera con i loro fiori e le maestose fontane.

La scelta del sito, ai piedi delle Valli di Lanzo, fu favorita dalla vicinanza degli estesi boschi detti del Gran Paese, ricchissimi di selvaggina: un territorio che si estende per un centinaio di chilometri fino alle montagne alpine, giungendo a sud e a est in prossimità del capoluogo.

http://www.lavenaria.it/web/
Villa della Regina

Villa della Regina è una seicentesca villa torinese, situata nella parte orientale-collinare della città, nel quartiere Borgo Po. Costruita per volere di Maurizio di Savoia, prima cardinale e poi, dal 1641, principe d'Oneglia, e passata poi a sua moglie Ludovica di Savoia. In seguito fu destinata a dimore delle sovrane sabaude, motivo del nome con cui è rimasta conosciuta. Dal 1869 fu donata dai Savoia all'Istituto nazionale per le Figlie dei Militari italiani. Fa parte del circuito delle Residenze sabaude in Piemonte e dal 1997, la Villa è iscritta alla Lista del Patrimonio dell'umanità come parte del sito seriale UNESCO Residenze sabaude.

La dimora aulica, con gli Appartamenti Reali affacciati sullo straordinario salone, riflette nelle decorazioni e negli arredi il gusto per le arti preziose e per l'esotismo in voga presso le corti europee del Settecento.

Castello del Valentino

Il castello del Valentino è un edificio storico di Torino, situato nell'omonimo Parco del Valentino sulle rive del fiume Po. Oggi è proprietà del Politecnico di Torino, ed ospita i corsi di laurea in Architettura. Dal 1997 il castello è inserito nella lista del patrimonio dell'umanità come elemento parte del sito seriale UNESCO Residenze Sabaude.

Il Castello ha conosciuto nei secoli diverse destinazioni d'uso prima di diventare facoltà universitaria. Già residenza fluviale extraurbana nel '500, conobbe il suo periodo di massimo splendore sotto Cristina di Francia che lo scelse come palazzo di rappresentanza. Pochi decenni dopo la sua morte uno dei giardini laterali divenne orto botanico dell'Università, tuttora visitabile.

Castello di Moncalieri

Il castello reale di Moncalieri sorge sulla sommità di una collina nel centro storico di Moncalieri, in città metropolitana di Torino. Assieme ad alcune delle altre residenze sabaude è dal 1997 nella lista dei patrimoni dell'umanità dell'UNESCO. E' una delle più antiche residenze sabaude, edificato in epoca medievale con scopi difensivi, fu trasformato dai Savoia in "luogo di delizie" a seguito di molti interventi di abbellimento e ampliamento.

Molto amato dai personaggi femminili di casa Savoia, il castello fu luogo di soggiorno, sede dell'educazione dei giovani principi e teatro di eventi clamorosi. Collegato all'edificio c'è un parco che si estende sulla collina.

http://www.castellodimoncalieri.it/
Palazzina di caccia di Stupinigi

La Palazzina di caccia di Stupinigi era una residenza adibita alla pratica della caccia eretta per i Savoia. L'opera, realizzata su progetto di Filippo Juvarra, venne iniziata nel maggio del 1729 e fu terminata nel 1733. Il sito, facente parte del circuito delle Residenze sabaude in Piemonte, dal 1997 è stato proclamato patrimonio dell'umanità dall'UNESCO. La palazzina è situata nella località di Stupinigi, alla periferia sud-occidentale di Torino.

Oltre che dimora prediletta dai Savoia, fu anche dimora di Napoleone all'inizio dell'800. Costruita sul modello delle coeve residenze mitteleuropee.