PyeongChang 2018: sono 3 i piemontesi che hanno gareggiato.

I XXIII Giochi Olimpici Invernali di PyeongChang sono finiti: sono state settimane intense e piene di emozioni, in cui i nostri azzurri si sono misurati in svariate discipline, regalandoci medaglie e vittorie inaspettate.

Tra la delegazione italiana che ha portato la bandiera tricolore in Corea, non possiamo non menzionare i quattro piemontesi che, inseguendo il proprio sogno olimpico, sono riusciti a riservarsi un posto d’onore tra la rosa dei nostri atleti.

La più giovane dei quattro, Giada Russo, è la due volte campionessa italiana di pattinaggio di figura. Classe 1997, Giada è di Torino e il ghiaccio è casa sua fin dall’età di 3 anni quando iniziò a frequentare il Palasport Tizzoli, vincendo l’anno seguente la sua prima competizione. Dall’età di 15 anni gareggia nella categoria seniores misurandosi con le più grandi pattinatrici del mondo e attualmente fa parte dell’Ice Club Torino. Grazie al secondo posto ottenuto negli ultimi Campionati Italiani, Giada è stata convocata ufficialmente per le Olimpiadi in Corea insieme a Carolina Kostner. Qui purtroppo non è riuscita ad accedere alla finale, presentando solamente il programma corto ma questa non è che la sua prima Olimpiade: Giada è infatti destinata a continuare sulla scia della grande Carolina Kostner, regalando grandi soddisfazioni al pattinaggio italiano.

Anche la cuneese Marta Bassino, residente a Borgo San Dalmazzo, ha appena concluso il suo esordio Olimpico, classificandosi 5^ nello slalom gigante e 10^ nella combinata. Scia dall’età di 2 anni sotto la guida del papà, maestro di sci e suo allenatore fino all’età di 14 anni. Nel 2014 ha vinto l’oro ai campionati italiani e nel nel 2016 è arrivata terza alla Coppa del Mondo di Sölden, rimanendo sempre tra i primi cinque posti nelle competizioni successive.

Infine Simone Gonin, di Savigliano, classe 1989 e stella del curling. Anche per lui PyeongChang è stata la prima Olimpiade. Il padre Eros gestisce l’impianto di Pinerolo che ha ospitato le sfide di curling di Torino 2006 a cui l’azzurro ha assistito da spettatore. Nel 2012 con la squadra italiana ha partecipato ai suoi primi Campionati Europei, classificandosi al 5° posto nel 2017 e al 9° nei Campionati Mondiali dello stesso anno. Alle Olimpiadi la squadra italiana ha portato a casa una degna nona posizione.